Aumentano i frontalieri in Svizzera a fine settembre 2021

Cresce il numero di lavoratori frontalieri che ogni giorno attraversa il confine per venire a lavorare in Svizzera. Lo rivelano i dati ufficiali diffusi dall’Ufficio federale di statistica (UST) a inizio novembre.

In particolare, il numero di possessori di un permesso G è salito del 3,1% nel terzo trimestre 2021 (luglio, agosto e settembre dell’anno in corso) rispetto al Q3 2020: all’ultima rilevazione sono quasi 353mila, mentre nello stesso periodo dell’anno scorso erano circa 342mila.

Relativamente al Ticino, siamo a livello 74mila frontalieri, pari un +1,3% (2613 unità) rispetto al trimestre precedente.
Anno su anno, invece, la crescita in Ticino è del 3,9%.

A livello di paese d’origine, i lavoratori con permesso G sono divisi fra Francia (192.566 persone e il 54,9% del totale), Italia (85.138 persone e il 24,2% del totale) e Germania (63.016 persone e il 17,9% del totale).

Grafico sui Frontalieri in Svizzera per residenza al q3 2021

Se allarghiamo la base temporale agli ultimi 5 anni, l’UST sottolinea come nel terzo trimestre 2016 fossero “solo” 312mila i frontalieri impiegati in Svizzera, mentre con i 353mila rilevati a fine settembre siamo dinanzi ad un trend pari al +13% nell’arco di un lustro.

Se ti interessa il mercato del lavoro in Svizzera, leggi la nostra guida alla ricerca di lavoro nella Confederazione.

Se invece sei già un frontaliere e vuoi ottenere di più dal tuo stipendio in franchi svizzeri, scopri perché dovresti provare CambiaValute.ch.