La Svizzera prevede una rapida ripresa economica nel 2021

Il 2021 è iniziato con qualche difficoltà, ma la Svizzera conta di terminare l’anno con una crescita del 3%.

Il governo elvetico aveva previsto un calo importante per il prodotto interno lordo nel primo trimestre nel 2021, calo già annunciato lo scorso dicembre.

Tuttavia la situazione economica dovrebbe migliorare velocemente, se la situazione della pandemia in Svizzera evolverà in maniera positiva.

È questo, in sostanza, il succo di ciò che la Segreteria di Stato dell’economia (SECO) ha divulgato pochi giorni fa.

Se tutto andrà come deve andare a livello sanitario, gli esperti della Confederazione, ci sarà una crescita della spesa che coinciderà con la bella stagione. L’aumento della domanda mondiale, anche qui come naturale reazione ad un allentamento delle restrizioni per il COVID, dovrebbe parallelamente sostenere anche l’export.

Se il PIL dovesse davvero attestarsi ad un +3% a fine 2021, sarebbe un tasso di crescita superiore alla media storica e dovrebbe portare in dote anche una diminuzione della disoccupazione, per arrivare ad un 3,3% medio annuo.

Come detto, tutto questo potrà verificarsi se e solo se avverrà la tanto attesa fase di allentamento nei mesi primaverili di quest’anno, che dipende strettamente dall’andamento del piano vaccinale e dalla collaborazione dei cittadini per contenere i contagi.

Anche il turismo potrebbe uscire gradualmente dallo stallo in cui si trova, contribuendo nel 2020 al PIL previsto in crescita del 3,3%.

L’economia elvetica ha incassato un -2,9% l’anno scorso, proprio a causa del COVID-19: è stata la contrazione annual peggiore per la Svizzera dopo la crisi del petrolio del 1975. Tuttavia, le cifre hanno mostrato come la seconda ondata del virus in autunno non abbia peggiorato le cose, con l’economia che è addirittura cresciuta del 7,6% nel terzo trimestre 2020, prima di arrestarsi ad un +0,3% nel trimestre successivo.

Riduzione delle restrizioni dal 22 marzo 2021

Dal 22 marzo, come da tabella di marcia, il governo ha cominciato ad allentare un po’ le restrizioni messe in atto a metà gennaio: negozi, musei e impianti sportivi avevano già riaperto, ma bar e ristoranti sono ancora chiusi.

I provvedimenti anti COVID 19 in Svizzera dal 22 marzo 2021

Ora si può anche incontrarsi al chiuso con più di 10 persone, facendo sempre attenzione ai contatti al di fuori del proprio nucleo domestico.
Per le aree esterne sono ammesse massimo 15 persone.

Resta ora da vedere come evolverà la situazione, vero ago della bilancia fra la crescita veloce prevista dalla SECO e un brusco rallentamento.

 

Per favore, prima di utilizzare il sito, leggi il Disclaimer. Se utilizzi il nostro sito ed il nostro servizio devi accettare il Disclaimer.