fbpixel
Menu

Euro: Informazioni e curiosità

L’Euro è la valuta ufficiale della Eurozona, ovvero di tutti quei Paesi appartenenti all’Unione Europea che hanno deciso di adottare la moneta unica (attualmente 19 su 27). Viene usato anche da alcuni Stati che non fanno parte dell’UE, ovvero Città del Vaticano, San Marino, il Principato di Monaco, Andorra, Montenegro e Kosovo e sulle basi militari britanniche di Akrotiri e Dhekelia, sull’isola di Cipro.

Tutte le monete in Euro
La serie completa delle monete Euro, incluse quelle da 1 e 2 centesimi

L'Euro, le monete e le banconote

L’Euro è entrato ufficialmente in circolazione il 1° gennaio 2002, dopo un periodo di affiancamento alle monete locali (fa eccezione la Germania, che non ha mai adottato il “sistema misto”). Il suo debutto sui mercati, però, è precedente a questa data: la nascita della moneta unica risale al 1° gennaio 1999, tramite un comunicato del Consiglio dei Ministri europei. A decidere i tassi di cambio tra l’Euro e le valute nazionali fu il Consiglio Europeo. Per l’Italia, il cambio risultava essere di 1 euro = 1936,27 lire italiane.

Il nome “Euro” è stato deciso dal Consiglio europeo di Madrid nel 1995. Rimpiazzava l’acronimo ECU (European Currency Unit), utilizzato nelle fasi preliminari ma poco gradito a causa di problemi linguistici. Tra gli altri, era sorto il “dilemma della vacca tedesca”: “ein ECU”, infatti, suonava molto simile a “eine Kuh”, “una mucca”.

Tutte le banconote Euro, nei tagli da 5 a 500
Tutte le banconote Euro in corso, inclusa quella da 500 Euro

Come da standard ISO 4217, che determina i codici per definire i nomi delle valute, l’Euro ha sigla EUR. La valuta può essere rappresentata anche da uno speciale glifo (€), forse disegnato dal grafico Alain Billiet. La scelta finale fu fatta dall’allora presidente della Commissione europea Jacques Santer e dal commissario europeo responsabile per l’Euro, Yves-Thibault de Silguy.

Un Euro è composto da 100 centesimi. Le monete hanno valori di 1, 2, 5, 10, 20, 50 centesimi e di 1 e 2 Euro. Tutte sono caratterizzate da un’effige comune su un lato e una scelta dal Paese che le ha coniate sull’altro. Le banconote cartacee, invece, hanno disegni condivisi, ognuno dedicato a una differente tematica architettonica, e sono disponibili nelle pezzature da 5, 10, 20, 50, 100, 200 euro (quelle da 500 non vengono più emesse dal 2019). Su di esse c’è anche la firma del presidente della BCE in carica.

Quotazione dell'Euro verso le principali valute estere

 CHF  EUR  USD  GBP  JPY  CAD  AUD
 CHF 1 1.0043 1.0868 0.8547 170.2722 1.4831 1.6358
 EUR 0.9882 1 1.0792 0.8473 170.3717 1.4840 1.6367
 USD 0.9092 0.9165 1 0.7849 156.9550 1.3672 1.5078
 GBP 1.1625 1.1699 1.2692 1 198.7757 1.7314 1.9096
 JPY 0.0059 0.0059 0.0064 0.0050 1 0.0087 0.0096
 CAD 0.6742 0.6738 0.7314 0.5776 114.8045 1 1.1029
 AUD 0.6113 0.6110 0.6632 0.5237 104.0926 0.9067 1
Banca centrale Europea, Francoforte, Germania
Banca centrale Europea, Francoforte, Germania

Tasso d'interesse di riferimento della Banca centrale europea

Che cos'è il tasso d'interesse di riferimento della Banca centrale europea e a cosa serve?

Il tasso di interesse ufficiale applicato dalla Banca Centrale Europea alle banche private in occasione della concessione di prestiti è noto come tasso BCE. Tale tasso ha un impatto indiretto sulle tariffe applicate dalle banche tra di loro e ai clienti privati. Il tasso d'interesse della BCE rappresenta una misura di politica monetaria che viene attuata al fine di stimolare l'economia o regolare l'inflazione. Va sottolineato che il tasso BCE non è semplicemente una percentuale di profitto sui prestiti, ma piuttosto uno strumento di regolazione economica di fondamentale importanza. L'eventuale aumento o diminuzione dei tassi di interesse BCE può influire in modo significativo anche sui privati, ad esempio sui tassi di interesse applicati ai mutui e ai prestiti.

Il tasso principale che influenza gli altri tassi è il tasso BCE, anche conosciuto come tasso ufficiale di sconto. Esso rappresenta il tasso d'interesse applicato dalla Banca Centrale Europea ai prestiti concessi alle banche private. Gli istituti di credito si scambiano liquidità tra loro e ricevono prestiti dalla banca centrale. Il tasso d'interesse BCE, pertanto, indica il saggio di sconto ufficiale e primario stabilito dalla Banca Centrale. Tuttavia, occorre precisare che il tasso di riferimento BCE non è unico, ma è composto da tre diversi tassi. Il primo è il tasso d'interesse sulle operazioni di rifinanziamento principale, applicato dalla BCE alle somme prestategli dagli istituti di credito in condizioni normali. Il secondo si riferisce ai prestiti overnight, ovvero a breve termine, ed è il tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale. Infine, il terzo è il tasso sui depositi effettuati presso la banca centrale, ovvero il tasso applicato alle somme prestate dalla banca privata alla BCE. Benché questi tassi siano distinti, essi non sono indipendenti tra loro, poiché la BCE solitamente li modifica contemporaneamente e nella stessa misura.

Qui sotto puoi trovare il tasso d'interesse di riferimento della BCE, con l'indicazione di quando è avvenuto l'ultimo aggiornamento.

Istituzione di riferimento
Banca centrale europea
Sede
Francoforte sul Meno, Germania
Tasso d'interesse di riferimento
4.500 %
Ultimo aggiornamento
09-14-2023

Il tasso Euribor: che cos'è e a quanto corrisponde?

L'Euribor rappresenta un tasso di interesse di riferimento calcolato come media dei tassi applicati dalle principali banche europee quando interscambiano liquidità fra di loro. Esso è di fondamentale importanza poiché indica il costo del denaro a breve termine, e rappresenta un parametro utilizzato per determinare le variazioni degli interessi nei prestiti a tasso variabile, tra cui i mutui. L'acronimo Euribor deriva dalla dicitura inglese Euro Inter Bank Offered Rate e rappresenta il tasso interbancario di offerta in euro. Si precisa che, sebbene il tasso d'interesse ufficiale venga determinato dalle banche centrali (nella zona euro, dalla BCE) per attuare una serie di misure di politica economica monetaria, come il controllo dell'inflazione, i privati (quindi anche le banche private) possono utilizzare altri tassi per i loro prestiti. Tuttavia, essi devono comunque tenere in considerazione il tasso generale. Le banche della zona euro si offrono prestiti non garantiti a breve termine sul mercato interbancario, i quali sono spesso strutturati come accordi di riacquisto. Questi prestiti hanno lo scopo di mantenere stabile la liquidità di ciascuna banca, oltre ad assicurare che quella in eccesso sia in grado di generare un rendimento. I prestiti possono avere varie scadenze, che convenzionalmente sono di una, due, tre settimane, un mese, 3 mesi, 6 mesi o 12 mesi. Pertanto, abbiamo un Euribor 1 mese, un Euribor 3 mesi e un Euribor 6 mesi. Questi sono i principali tassi di riferimento, ma esistono anche quello a un anno e quello a una settimana. In genere, più lunga è la durata del prestito, più alto sarà il tasso d'interesse, poiché privarsi del denaro per un periodo maggiore viene ricompensato in misura maggiore. L'Euribor viene parametrato su 360 giorni, ma è possibile calcolare l'Euribor per 365 giorni mediante una semplice proporzione. Esso rappresenta il parametro di riferimento per i prestiti tra banca e cittadini, nonché per una vasta gamma di prodotti finanziari in euro, tra cui i mutui, i conti di risparmio, i prestiti auto e vari titoli derivati.

Come già menzionato, l'Euribor funge da tasso di riferimento per il mercato interbancario europeo ed è calcolato utilizzando dati dalle banche con il maggior volume di transazioni nelle nazioni della zona euro e dalla Barclays Bank in Inghilterra. Attualmente, il gruppo di banche di riferimento include 18 istituzioni, come Intesa Sanpaolo e UniCredit, che rappresentano l'Italia. Vale la pena notare che la partecipazione di ogni banca è volontaria anziché obbligatoria. Le banche devono inviare i loro dati alla Federazione bancaria europea (EBF) entro le 11 di ogni giorno di calcolo. Se meno di 12 banche inviano i loro dati, l'Euribor non verrà calcolato. L'EBF calcola la media per ciascuna scadenza dell'Euribor escludendo il 15% più alto e il 15% più basso dei tassi per evitare valori estremi.

Qui sotto trovi l'ultimo valore aggiornato del tasso Euribor a diverse scadenze:

Euribor - 1 settimana3.881 %
Euribor - 1 mese3.792 %
Euribor - 3 mesi3.808 %
Euribor - 6 mesi3.780 %
Euribor - 12 mesi3.729 %

Perché sceglierci?

CambiaValute.ch è lo specialista svizzero dei cambi online.
Cambia comodamente da casa risparmiando fino all’80% rispetto alle tariffe di banche ed uffici cambio contanti.
Verifica ora quanto puoi risparmiare come frontaliere, privato o azienda.

Registrati ora gratis img
CambiaValute.ch logo